FEDERICO FERRARI

#nichilismo

Ci sono tre tipi di nichilisti. Il nichilista del “nulla ha senso”, cinico e distruttivo, pieno di risentimento e in fondo, bestemmiatore dell’Assoluto, del quale non può fare a meno, pimg_8541ur negandolo. C’è poi il nichilista eroico e affermatore, il fondatore di nuovi valori e nuovi mondi, il trasvalutatore nietzscheano. E, infine, c’è il nichilista per il quale il nulla  di fondamento, ben lungi dall’essere una decadenza, è una realtà cosmica ed eterna. Per quest’ultimo, attivo e passivo, negazione e affermazione sono del tutto indifferenti, solo due facce della stessa moneta metafisica, gettata in una caduta infinita nel pozzo senza fondo dell’esistenza.

p.39, Oscillazioni, Federico Ferrari

Recensione di Giovanni Sessa: Un libro vero, dunque, Oscillazioni, un libro per tutti e per nessuno.

#Arte

ARTE ESSENZIALE
Collezione Maramotti
curatore della mostra:  professore di Estetica, Federico Ferrari
Interessante riflessione sull’arte contemporanea: vai all’articolo su ARTRIBUNE e video presentazione degli artistil
Arte Essenziale su Artribune Television. Un lungo video report per svelarvi la mostra alla Collezione Maramotti

ON ARTE ESSENZIALE

#immagine

Il mondo-immagine e l’insieme vuoto
Federico Ferrari. L’insieme vuoto (scheda al libro)

“Il problema di una pragmatica dell’immagine è, quindi, per l’autore, un’interrogazione sull’ontologia stessa di questo concetto. L’immagine, nel mondo contemporaneo, non possiede più le caratteristiche che essa godeva nel mondo romano o in quello medievale. L’immagine ha subito un cambiamento di statuto e, in questo modo, anche il rapporto che si instaura tra lo spettatore e l’immagine stessa si è dovuto, necessariamente, modificare.
Lo sguardo deve quindi necessariamente fare i conti con la propria disseminazione e, di conseguenza, la metrica che lo regola non potrà che essere una metrica “singolare-plurale” (immediato è il riferimento al filosofo e amico Jean-Luc Nancy e al suo testo, pubblicato nel 1996 per i tipi della Galilée, intitolato Être singulier pluriel).”

Fonte: Rivista Doppiozero articolo di Fabrizio Migliorato

Informazioni su Mariarosaria Pranzitelli

Docente di Filosofia Reggio Emilia - Italia
Questa voce è stata pubblicata in 2016/17, Classi quinte, Libri, News e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...