PSICOLOGIA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE
OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE

Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento
PRIMO BIENNIO

Lo studente comprende la specificità della psicologia come disciplina scientifica e conosce gli aspetti principali del funzionamento mentale, sia nelle sue caratteristiche di base, sia nelle sue dimensioni evolutive e sociali. Lo studente coglie la differenza tra la psicologia scientifica e quella del senso comune, sottolineando le esigenze di verificabilità empirica e di sistematicità teorica cui la prima cerca di adeguarsi.

In particolare durante il primo biennio si prendono in esame:

a) i diversi aspetti delle relazioni sui luoghi di lavoro sia dal punto di vista teorico (psicologia sociale, teorie di derivazione psicoanalitica, psicologia umanista, sistemica) con particolare riferimento al rapporto fra la persona e il contesto (comunicazione verbale e non verbale, pregiudizi, stereotipi, atteggiamenti, motivazioni al lavoro, ruoli, contesti lavorativi e tipi di relazione, le emozioni );

b) i processi sociali di influenzamento, cooperazione, conflitto e negoziazione nei luoghi di lavoro, dinamiche del lavoro di gruppo e gruppo di lavoro;

c) concetti e teorie relative all’apprendimento (comportamentismo, cognitivismo, costruttivismo, socio-costruttivismo, intelligenza, linguaggio e differenze individuali e apprendimento, stili di pensiero e apprendimento, motivazione e apprendimento).
Un modulo particolare è dedicato al tema del metodo di studio, sia dal punto di vista teorico (metacognizione: strategie di studio, immagine e convinzioni riguardo alle discipline, immagine di sé e metodo di studio, emozioni e metodo di studio, ambienti di apprendimento e metodo di studio) che dal punto di vista dell’esperienza dello studente.

PRIMO ANNO

MODULO 1
METACOGNIZIONE E METODO DI STUDIO

Applicazione del concetto di metodo al campo dello studio scolastico.
Introduzione alla metacognizione.
Stili cognitive e strategie di apprendimento.
Imparare a imparare.
Valutazione e autovalutazione.
Tecniche mnemoniche.
Emozioni e motivazioni in relazione alla realtà scolastica e allo studio.

MODULO 2
IL PENSIERO E L’INTELLIGENZA

Che cos’è il pensiero.
Concetto, ragionamento, problem solving.
Le distorsioni cognitive.
Che cos’è l’intelligenza.
I principali modelli teorici di spiegazione dell’intelligenza.
Come si misura l’intelligenza

MODULO 3
LA PSICOLOGIA COME DISCIPLINA SCIENTIFICA

Introduzione alla psicologia e alle principali scienze umane.
Il contesto storico culturale del positivismo e la nascita delle scienze umane (con particolare attenzione a: sociologia, antropologia, psicologia e pedagogia).
I criteri di scientificità: oggetto di studio ben definito, linguaggio specifico, metodo rigoroso.
Le questioni poste dall’approccio scientifico alla psiche, alla società e alla cultura.*
La differenza tra psicologia scientifica e psicologia del senso comune.
Le origini della psicologia scientifica: Wundt e i fisiologi.
Le principali teorie della psicologia scientifica: scuola della Gestalt, comportamentismo e cognitivismo, neuroscienze.
Il metodo sperimentale e gli altri metodi della psicologia scientifica.
Le diverse branche e i campi di applicazione della psicologia.
La personalità e l’approccio psicoanalitico (cenni)

MODULO 4
PERCEZIONE E MEMORIA

Definizione di percezione e sua differenza dalla sensazione.
La soglia assoluta e la selezione delle informazioni.
Il ruolo dell’attenzione e l’attenzione selettiva.
I principi gestaltici dell’organizzazione percettiva.
Figura e sfondo.
Le costanze percettive.
Le illusioni percettive.
La natura della memoria e gli studi di Ebbinghaus.
Le principali teorie sulla memoria.
L’oblio e le disfunzioni della memoria.

MODULO 5
LA PERSONALITÀ’

Il concetto di personalità
Le prime teorie: le teorie tipologiche
Le teorie dei tratti
Sigmund Freud e la psicoanalisi
Adler e la psicologia individuale
Carl Gustav Jung: la psicologia analitica

MODULO 6
LA COGNIZIONE E L’INFLUENZA SOCIALE

Una vita in mezzo agli altri
Il comportamentismo, la Gestalt e il cognitivismo
La percezione degli altri
Le teorie della personalità e l’effetto alone
Le attribuzioni
Il ragionamento sociale
L’influenza sociale
Il ruolo della maggioranza e quello della minoranza
Il costruirsi dei gruppi
Stereotipi e pregiudizi

SECONDO ANNO

MODULO 1
EMOZIONI E MOTIVAZIONI

Il concetto di bisogno e quello di motivazione.
La piramide dei bisogni di Maslow.
Motivazioni intrinseche ed estrinseche.
Motivazioni omeostatiche, cognitive, affiliative.
La dimensione inconscia in rapporto alla teoria freudiana.
Le motivazioni inconsce.
Il concetto di emozione.
La funzione adattiva delle emozioni.
Emozioni primarie e emozioni complesse.
L’empatia

MODULO 2
COMUNICAZIONE E LINGUAGGIO

Il concetto di comunicazione.
Comunicazione animale e umana.
Lo schema comunicativo di R. Jakobson.
La pragmatica della comunicazione e la scuola di Palo Alto.
Gli assiomi della comunicazione.
La comunicazione non verbale.
Il linguaggio.
L’acquisizione del linguaggio.
Le funzioni cognitive e sociali del linguaggio verbale.
I problemi del linguaggio: dislessia e afasia.

MODULO 3
PENSIERO E INTELLIGENZA

Che cos’è il pensiero.
Concetto, ragionamento, problem solving.
Le distorsioni cognitive.
Che cos’è l’intelligenza.
I principali modelli teorici di spiegazione dell’intelligenza.
Come si misura l’intelligenza

MODULO 4
LA PSICOLOGIA APPLICATA E DEL LAVORO

La concezione del denaro
I risparmi
La psicologia del consumatore e il marketing
Il benessere e lo stile di vita
Dal mondo antico alla rivoluzione industriale
L’organizzazione scientifica del lavoro
La nascita della psicologia del lavoro
Le relazioni e la comunicazione sul lavoro
I cambiamenti nel mondo del lavoro