Interdisciplinarietà

“Il lavoro interdisciplinare, di cui oggi tanto si parla, non è un confronto tra discipline già costituite (nessuna delle quali infondo è disposta a lasciarsi andare). Per fare qualcosa di interdisciplinare non basta scegliere un ‘soggetto’ (un tema) e raccogliervi attorno due o tre scienze. L’interdisciplinarietà consiste nel creare un nuovo oggetto che non appartieneContinua a leggere “Interdisciplinarietà”

Filosofia

“La filosofia non è né “alta” né “profonda”: si tiene rigorosamente all’altezza delle cose, del mondo e dell’uomo, non ha su di loro nessun “punto di vista”, né sopra né sotto. In generale la filosofia consiste proprio nel non assumere nessun punto di vista -anzi, nel non essere affatto una vista, se è vero cheContinua a leggere “Filosofia”

Lezione I nomi e le cose

Attività a-sincrona classi quinte Wittgenstein e il TRACTATUS Appunti – Le cose stesse – Le parole sono neutre?– Il linguaggio è una ‘grande macchina’ ‘artificio’– Noi siamo ‘parlati’ dal linguaggio– Il pensiero soltanto attraverso ‘la macchina del linguaggio’ prende corpo– Manca la consapevolezza che le cose e le parole nel linguaggio stanno insieme e nonContinua a leggere “Lezione I nomi e le cose”

Corpi tra corpi

Segnalo questo articolo sulla rivista ANTINOMIE link all’articolo Deprivazione dei corpi 28/04/2020 ALFONSO CARIOLATO “Ora, la filosofia, specie degli ultimi decenni, ha fatto del corpo, dei corpi, uno dei suoi principali interessi. Ed ecco che con l’arrivo dell’epidemia emerge un fatto inaspettato (d’altronde, la realtà sorprende immancabilmente il pensiero): mai forse come in questi momentiContinua a leggere “Corpi tra corpi”

Il corpo e l’immagine

Segnalo questo articolo “Il piacere delle immagini” di Federico Ferrari sulla rivista Antinomie. “Ogni fotografia mostra come l’indubitabile presenza del corpo sia al contempo e sempre l’attesa di uno sguardo e la proiezione di un soggetto al di fuori di sé. Soggetto in attesa di ritrovarsi nello sguardo di un altro. E, in primo luogo,Continua a leggere “Il corpo e l’immagine”