Per dialogo silenzioso

Il pensiero arriva dopo la danza, come dice Beckett.  Ciò significa anche che il pensiero si fa avanti con la danza.

Che il pensiero si desta con una danza.
 
Che la danza accende il pensiero. Non già dando dei soggetti di riflessione, ma facendo del corpo una forma pura, una forma per sé — una forma in movimento o non, ciò non è l’essenziale
 
(il movimento si manifesta anche nell’immobilità, nel gesto catturato, nel salto di cui la fotografia afferra l’istante, la posa)
 
ma facendo del corpo un’idea
non un ideale ma un’idea

ossia una verità in sé
non sottomessa né a un consumo né a un’intenzione
ma un corpo che ha valore per sé
per la sua postura per il suo incedere il suo battere 
la sua verità di corpo la sua idea pura
senza figura e senza corpo in qualche modo
corpo emerso dal corpo senza divenire un’anima né uno spirito
appena la propria idea il suo tracciato dentro allo spazio e il tempo
astratto sottratto alle attrazioni che non crea esso stesso
semplice infinito pensiero della propria presenza
nel mezzo del mondo
e mondo a sé solo
mondo a tutti a nessuno

Pubblicato da Mariarosaria Pranzitelli

Docente di Filosofia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: