Nietzsche

UNITÀ 4
La crisi delle certezze: da Nietzsche a Freud

  • Le edizioni delle opere di Nietzsche
  • Vita e scritti
  • Filosofia e malattia
  • Le fasi del filosofare nietzscheano
  • Il periodo giovanile
  • Il periodo “illuministico”
  • Il periodo di Zarathustra
  • L’ultimo Nietzsche

Lo stato dell`arte – Fredrich Nietzsche di Maurizio Ferrari vai al ink 

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-dbdd9e5b-4bea-4d0a-8234-68b263060976.html?iframe&ensrbn=false

Opere di Nietzsche:

  • F. Nietzsche, Sull’utilità e il danno della storia per la vita [1874], tr. it. di S. Giametta, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1974.
  • F. Nietzsche, Umano, troppo umano, I [1877], tr. it. di S. Giametta, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1979.
  • F. Nietzsche, Umano, troppo umano, II [1879-1880], tr. it di S. Giametta, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1981.
  • F. Nietzsche, Aurora, pensieri sulla morale come pregiudizio [1881], tr. it. di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1978.
  • F. Nietzsche, La gaia scienza e Idilli di Messina [1882], tr. it. di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1977.
  • F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra [1883-1885], tr. it. di S. Giametta, RCS Libri, Milano 1995.
  • F. F. Nietzsche, Al di là del bene e del male [1886], tr. it. di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1977.
  • F. Nietzsche, Genealogia della morale [1887], tr. it. di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1984.
  • F. Nietzsche, Il Crepuscolo degli idoli, ovvero come si filosofa col martello [1888], tr. it di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1983.
  • F. Nietzsche, L’Anticristo, maledizione del cristianesimo [1888], tr. it. di F. Masini, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1977.
  • Nietzsche, Ecce Homo [1888], a cura di R. Calasso, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1981.
  • F. Nietzsche, Ecce Homo [1888], tr. it. di S. Giametta, Biblioteca di Via Senato, Milano 2004.
  • F. Nietzsche, Scritti su Wagner (Wagner a Bayreuth  [1876], Il caso Wagner [1888], Nietzsche contra Wagner [1888]), tr. it. di F. Masini, S. Giametta, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano1979.
  • F. Nietzsche, Frammenti postumi I, tr. it. di G, Colli, C. Colli Staudea, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1989.
  • F. Nietzsche, Frammenti postumi II, tr. it di G, Colli, C, Colli Staudea, Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1989.

“Un essere veramente malato non può guarire, e tanto meno guarirsi da sè; per un uomo veramente sano la malattia può essere, al contrario, un energico incitamento a vivere, a vivere più intensamente. Così realmente mi appare ora quel lungo periodo di malattia: io scopersi quasi nuovamente la vita, me compreso; io gustai tutte le cose buone, anche le piccine, come altri difficilmente potrebbe gustarle, io feci della mia volontà d’essere sano,- di vivere, la mia filosofia… Perché si badi bene: fu proprio negli anni della mia più debole vitalità che cessai di essere pessimista: il bisogno istintivo di ristabilire me stesso, mi strappò alla filosofia della miseria e dello scoraggiamento…
E da ciò si riconosce, in fondo, la bontà della nascita! Un uomo ben nato fa bene ai nostri sensi: egli è fatto d’un legno insieme duro e tenero e profumato. Gli piace soltanto ciò che gli è utile: il suo piacere, il suo desiderio cessano quando egli oltrepassa il limite dell’utile. Egli indovina i mezzi per riparare ai mali, fa suo pro di tristi accidenti; ciò che non lo annienta lo rende più forte. Di tutto ciò ch’egli vede, ode, vive, tira istintivamente la sua somma; è un principio di selezione: molte cose lascia cadere. È sempre in sua compagnia, sia ch’egli s’occupi di libri o d’uomini, o di paesaggi: come sceglie, come accetta, come s’affida, egli onora. Reagisce ad ogni sorta di fascino, lentamente, con quella lentezza che gli hanno insegnata una lunga prudenza e una superbia voluta; — esamina il fascino che sale a lui — è ben lungi dal muovergli incontro. Non crede nè alla “sventura” nè alla “colpa”: sbriga presto ogni cosa, con sè e con gli altri, sa dimenticare; — è abbastanza forte perché ogni cosa debba andargli per il meglio.”

Ecce homo, Nietzsche

Informazioni su Mariarosaria Pranzitelli

Docente di Filosofia Reggio Emilia - Italia
Questa voce è stata pubblicata in 2016/17, News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...