Firenze

Visita alla Restrospettiva di Marina Abramovic THE CLEANER per docenti di scuola superiore: Liceo artistico G. Chierici (prof.sse Bigi Lorenza – Fabbris Linda – Lombardo Savina – Pranzitelli Mariarosaria – Quaini Sonia – Scolari Pamela – Vallese Marina)

Link alla pagina ufficiale

L’evento si pone come una straordinaria retrospettiva che riunisce oltre 100 opere offrendo una panoramica sui lavori più famosi della sua carriera, dagli anni Sessanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebri performance attraverso un gruppo di performer specificatamente formati e selezionati in occasione della mostra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Visita al complesso di Santa Maria Novella  Continua a leggere

Pubblicato in Formazione docenti, News | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Biografia e bibliografia di Jean Luc Nancy

 

Settembre 2018

Festival della filosofia di Modena 2018

Jean-Luc Nancy è considerato uno dei filosofi francesi più originali della generazione successiva a quella di Deleuze, Foucault, Derrida e Lyotard.

Nasce a Caudéran (Gironde) nel 1940, compie gli studi di filosofia a Parigi e ottiene il dottorato di ricerca con P. Ricoeur, diplomandosi con una tesi finale su I. Kant.

Nel 1968 diventa assistente di filosofia all’Università di Strasburgo, dove insegna sino al 2004 e dove pure gli viene conferito il titolo di Professore emerito nel 2011; è stato anche professore di filosofia all’Università di California (San Diego) e visiting professor nelle Università di Berkeley, Irvine  e Berlino.

A Strasburgo stringe una profonda amicizia con il filosofo Philippe Lacoue-Labarthe, con il quale tiene diversi corsi universitari, seguitissimi dagli studenti, e pubblica alcuni libri (Il titolo della lettera, L’absolu Litteraire e Il mito nazi). Con l’amico filosofo dà vita, insieme alle rispettive famiglie, ad una comune, che lo stesso Nancy definisce una sorta di “chiasmo sessuale”.

Nei primi anni ’80, insieme a Philippe Lacoue-Labarthe, J. Ranciere, C. Lefort ed altri, promuove il “Centre de recherches philosophiques sur la le politique” de la rue de l’Ulm, di cui vengono pubblicate due raccolte: “Rejouer le politique” e “Le retrait du politique”.

Continua a leggere

Pubblicato in News | 1 commento

Biennale di Venezia 2018

Yvonne Farrell e Shelley McNamara sono le curatrici della 16. Mostra Internazionale di Architettura, che si svolge dal 26 maggio al 25 novembre 2018 ai Giardini e all’Arsenale e in vari luoghi di Venezia. Il titolo scelto è

Freespace

Link al sito ufficiale

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Pubblicato in News | Lascia un commento

Indizi sul corpo

CORPO E PENSIERO  
di Mariarosaria Pranzitelli e Francesco Costabile

In questo percorso progettuale abbiamo cercato di far incontrare la danza e la fotografia attraverso uno sguardo filosofico. La danza è stata l’occasione per individuare, grazie alla riflessione legata alla fotografia e alla sua particolare tecnica, il fatto che noi “siamo” e non abbiamo un corpo, come la tradizione maggiore del pensiero occidentale non soltanto ci lascia intendere, ma ci spinge e costringe a pensare.

Durante alcune letture affrontate in classe sulla riflessione della tradizione filosofica da Spinoza a Cartesio, da Nancy a Deleuze, abbiamo raccolto indizi e visioni della specificità del rapporto mente – corpo che attraversa le varie scienze (vedi neuroni specchio e neuroscienze).

La danza è una delle tante “ri-velazioni” del corpo e, come in ogni ri-velazione, possiamo e dobbiamo avvertire nel suo movimento che qualcosa è messo a nudo e contemporaneamente velato di nuovo. Il velo che viene tolto al corpo è anche, paradossalmente, quello che nuovamente lo nasconde.

Ciò dipende dal fatto che “noi non sappiamo che cosa può un corpo” (Spinoza) e non lo possiamo sapere perché la sua singolarità plurale resiste e insiste in maniera sorprendente proprio nel gesto della danza.

Proprio il corpo costringe la filosofia a quel che è: un non-sapere. Pensare il corpo è un esercizio filosofico quasi indispensabile perché la vita non venga esclusa o aggirata dalla filosofia.

E’ per questo che il pensiero quando pensa il corpo non si rivolge solo all’anatomia, ma anche alla letteratura, alla poesia e ovviamente alla danza. Ecco, la danza es-pone forse meglio ciò che, per dirla con Nancy, ogni pensiero è: un corpo.

“Non ha senso, pertanto, parlare separatamente di corpo e di pensiero, come se potessero sussistere ciascuno per sé, mentre essi non sono che il loro toccarsi reciproco, il contatto della loro effrazione l’uno attraverso l’altro e l’uno nell’altro. Questo contatto è il limite, lo spaziamento dell’esistenza. Tuttavia ha un nome, si chiama “gioia” e “dolore”, o “pena”.”

“La fotografia sta soccombendo perché ciò che si vede su Instagram o sui telefoni cellulari non è fotografia. La fotografia è un oggetto materializzato che si stampa, si ha, si guarda… Oggi esistono solo immagini e le immagini non sono fotografie” con queste parole Sebastião Salgado, uno dei maestri della fotografia contemporanea, descrive la progressiva designificazione dell’atto fotografico e della sua fruizione. I ragazzi sono abituati a produrre e a consumare immagini sin dalla tenera età e questa bulimica sovrabbondanza, se da un lato aiuta il discente ad una manualità e una dimestichezza con il mezzo dall’altra ha portato ad un depotenziamento del mezzo e ad una sorta di cecità. Nella sovrabbondanza si smette di vedere, non si pensa, non si costruisce, non si narra e si finisce per diventare soggetti passivi, stanchi consumatori di immagini vuote.   Il laboratorio di fotografia si è prefissato l’obiettivo di “pensare” l’immagine, costruirne il senso, leggerne la luce, restituire alla mera immagine il suo status di fotografia, ovvero opera dotata di senso, in grado di restituire la relazione tra l’io e il mondo, tra chi osserva e chi è osservato. Questi scatti si contraddistinguono per un assoluta eterogeneità. Un solo soggetto è letto ed interpretato in svariati modi e subisce letture e restituzioni diverse. La creazione di un pensiero critico, la scoperta di un proprio sguardo, non può non essere motivo di soddisfazione per il nostro lavoro. Ci auguriamo che la scuola possa collocarsi sempre di più nell’ottica di rieducare all’immagine. E’ un modo per formare soggetti attivi, creatori di senso, cittadini in grado di difendersi dalle migliaia di immagini che quotidianamente sono costretti a subire.

link al pdf

Ringraziamenti

Maria Grazia Diana – Dirigente scolastica  Liceo Artistico “G.Chierici”                                    Gigi Cristoforetti   Direttore Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto

Sveva Berti – Coordinatrice artistica Aterballetto

Raffaele Filace -Ufficio stampa e comunicazione della Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto                                                       

Gli alunni della 4E a.a. 2017/2018: E.Alessandri, C. Anghinolfi,  E. Bassoli, G. Carrozzo, C. Cavandoli, M. D’Orsi, M. De Nardis, V. Esentato, G. Fabbi, G. Fusaroli, M. Fusco, I. Gandolfi, L. Gorrieri,  G. Govi, N. Haka, L. Limongi, B. Mascolo, E. Mazzini, M. Messori,     M. Morini, S. Rizzo, G. Ruozi, C. Scaglia, V. Scala, J. Tirelli

Tutti i danzatori della compagnia Aterballetto e lo staff della Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto.

Pubblicato in News | Lascia un commento

Studi

1984
Diploma di maturità dell’Istituto Magistrale Matilde di Canossa
Di Reggio Emilia
Data: 31 luglio 1984
Votazione: cinquantotto /sessantesimi

1988
Diploma di Specializzazione Polivalente
Presso l’Istituto Regionale “G.Garibaldi “ pei Ciechi di Reggio Emilia
Data 11 Giugno 1988
Tesi: “L’utilizzo del computer come ausilio e come sussidio didattico per alunni con handicap”
Votazione: trenta/trentesimi cum laude

1994
IMG_4371Laurea in Pedagogia
Università degli studi di Parma
Data: 24 Marzo 1994
Tesi: “Il luogo etico in Wittgenstein
Votazione 110 e lode. 

Abilitazione: A018 – Filosofia e Scienze umane

 

Pubblicato in News | Contrassegnato , | Lascia un commento

Kierkegaard

Vita e opere

2. L’esistenza come possibilità e fede
3. Dalla Ragione al singolo: la critica all’hegelismo
4. Gli stadi dell’esistenza
5. L’angoscia
6. Dalla disperazione alla fede
7. L’attimo e la storia: l’eterno nel tempo.

1 – link all videolezione


2

Pubblicato in Classi quinte | Contrassegnato | Lascia un commento

Arte ed esposizione – Dublin

“Non cerchiamo di andare dietro la tela, non cerchiamo oltre la breve immobilizzazione di un olio, non cerchiamo di vedere dietro al visibile. Siamo già entrati, siamo esposti alla visione: è tutto ciò che ci viene richiesto, che ci viene permesso e promesso.”
j.L. Nancy

photo by @marypranzitelli

photo by @marypranzitelli

photo by @marypranzitelli presso la National Gallery
La galleria nazionale di Dublino, ospita 13.000 opere d’arte, si compone di tre sezioni per un totale di 54 gallerie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.


photo by @marypranzitelli  Trinity College Dublin

g8yK7WdqQRC206kPQVSqpg

 

Pubblicato in Mostre ed eventi, News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Pubblicazione “Indizi sul corpo”

indizi pubblicazione

PUBBLICAZIONE : Indizi sul corpo  – Laboratorio di Filosofia e Fotografia

Pubblicato in Classi quarte, Classi quinte, Classi terze, News | Lascia un commento

Platone la madre ingovernabile

Dal sito di RAI CULTURA

Adriana Cavarero

Platone, padre della filosofia, immagina il femminile come ingovernabile, sia nel Timeo, dove, descrivendo la genesi del cosmo, rappresenta il femminile come lo spazio informe, che rende possibile la generazione delle cose dalle Idee, sia nella Repubblica, dove racconta il mito della Caverna, nel quale il femminile è la caverna stessa, che come un grande utero rende possibile la proiezione dei simulacri delle forme, e quindi l’inizio di un percorso verso il Logos, che è al di fuori della caverna.

IL VIDEO SU RAISCUOLA Vai al link

 

Pubblicato in Classi quinte, Lezioni, News | Contrassegnato , | Lascia un commento

Esperienze di lavoro

1989
Entrata di ruolo come insegnante di sostegno presso la scuola elementare “Giuseppe Verdi” di Parma.
1990 al 1998
Trasferimento alla scuola elementare “Italo Calvino” di Reggio Emilia.

1994/95
Inizio collaborazione con il CRIN (Centro Ricerca Informatica) Assessorato Istruzione del comune di Reggio Emilia presentata ad un convegno su “Handicap e nuove tecnologie” una esperienza condotta da diversi anni sull’utilizzo del computer come ausilio e sussidio.

1995 al 2000
Conduzione di corsi sull’uso delle nuove tecnologie nella scuola per docenti di scuola elementare e media promossi dal CRIN e autorizzati dal Provveditorato agli studi di Reggio Emilia.
Collaborazione con alcune scuole elementari di Reggio Emilia per Progetti di introduzione dell’informatica come strumento di lavoro per gli insegnanti e per la realizzazione di attività con gli alunni.
Scuole coinvolte nei progetti: Italo Calvino, S.G.Bosco, Don Milani, Marconi, Bergonzi, Mancasale, Convitto di Correggio.

1998
Coordinamento di un progetto che coinvolge tutte le classi della scuola elementare “Italo Calvino” di Reggio Emilia per la realizzazione del sito: http://www.scuola.re.it/calvino vincitore del premio indetto da “Il sole 24 ore” categoria Scuola, Università, Ricerca.

1999
Partecipazione come insegnante delle classi elementari coinvolte e come collaboratrice del CRIN ad un Progetto Continuità realizzato dai bambini della scuola statale dell’infanzia Don Milani di Reggio Emilia e le classi prime della scuola elementare Italo Calvino di Reggio Emilia.
Questo progetto è pubblicato nel sito www.scuola.re.it/calvino/

 

1999 Dicembre
Docente nel corso di abilitazione sessione riservata scuola elementare presso l’Istituto Comprensivo Belvedere di Reggio Emilia, Direttore del corso dott. Paolo Agosti.

1999/00 2000/01
Funzione Obiettivo area di sostegno al lavoro docente: coordinamento dell’utilizzo delle nuove tecnologie (Area 2 prevista dall’all. 3 al CCNI/99).

2002/03
Funzione Obiettivo area di sostegno al lavoro docente: coordinamento dell’utilizzo delle nuove tecnologie (Area 2 prevista dall’all. 3 al CCNI/99).
Docente corsi Fortic (moduli A e B) per l’Istituto del Primo Circolo di Reggio Emilia (Dirigente Antonio Lodedo) e per il CSA di Reggio Emilia.
Membro del consiglio di circolo dal 01/09/2003;

2003/04
Funzione Strumentale: coordinamento dell’utilizzo delle tecnologie e documentazione.
Istituto Comprensivo “A. Ligabue” R. Emilia

2005 al 2008
Funzione Strumentale: coordinamento dell’utilizzo delle tecnologie e documentazione.
Istituto Comprensivo “A. Ligabue” R. Emilia

2008
Passaggio di Ruolo – cattedra A036 (filosofia – psicologia – scienza dell’educazione)- Scuola Superiore di Reggio Emilia

2008/11
In servizio presso l’Istituto Don Zeffirino Iodi di Reggio Emilia (Psicologia Classi prime) e l’Istituto Tecnico Zanelli (indirizzo Liceo Brocca Biologico – Filosofia Classi 4 e 5)
Coordinamento del Progetto Einstein – Dislessia e strumenti multimediali. Realizzazione del Blog: Progetto Einstein – documentare le buone pratiche.

2011/2012
Funzione strumentale: Coordinamento e Realizzazione POF – Istituto Galvani RE –

2012/2013
In servizio presso l’IIS Nobili di Reggio Emilia – Docente di filosofia nelle classi 3-4-5 dell’indirizzo liceale e ex-Brocca.

2013/14
In servizio presso Liceo Artistico “G. Chierici” di Reggio Emilia – Docente di filosofia
Funzione Strumentale POF del Liceo Artistico Gaetano Chierici

2014 al 2017
In servizio presso Liceo Artistico “G. Chierici” di Reggio Emilia – Docente di filosofia
Funzione Strumentale DIDATTICA – INNOVAZIONE E FORMAZIONE
del Liceo Artistico Gaetano Chierici

2018/2019
In servizio presso Liceo Artistico “G. Chierici” di Reggio Emilia – Docente di filosofia

Pubblicato in News | Contrassegnato , | Lascia un commento