Jean Luc Nancy – Intervista

Link all’intervista

“Intervista di Maura Gancitano al filosofo Jean-Luc Nancy, ospite del festival in streaming PRENDIAMOLA CON FILOSOFIA.
Nancy afferma che in questo momento possiamo essere solo sicuri di un fatto e cioè che enormi difficoltà economiche e ecologiche ci attendono qualsivoglia sia l’esito di questa pandema.
La parola in questo momento viene ad essere impoverita dalla pena, dalla tristezza, dalla consapevolezza lacerante che esiste una minaccia di morte che va ad aggiungersi, come una crudeltà supplementare, a quella crudeltà già imperante in un mondo dove già ci sono carestie, epidemie, malattie endemiche, condizioni di vita talvolta infime. Il virus che si diffonde secondo i ritmi di circolazione mondiale delle merci, merci di cui gli esseri umani fanno parte, si trasmette tramite un contagio molto più efficace di quanto non sia il contagio dei diritti umani. “

Pubblicato in News | Lascia un commento

Il perturbante di Freud

UOMINI E PROFETI – Radio TRE – 21/03/2020
Il filosofo Felice Cimatti in dialogo con la psicoanalista Manuela Fraire

Per ascoltare l’intervista segui il link

Pubblicato in News | Lascia un commento

Il male dopo Auschwitz

Pubblicato in News | Lascia un commento

Ascoltare libri

Ad alta voce
L’elenco completo in ordine alfabetico
Tutti i romanzi

link alla pagina

Pubblicato in DAD, News | Contrassegnato | Lascia un commento

Filosofia e letture live

Filosofia Letture LIVE per le classi 5E – 5C – 5D – 5G

La scelta dei testi è legata ai Filosofi e alle tematiche affrontate durante le lezioni cercando di attualizzare e di ampliare le prospettive con autori contemporanei.

Remedios Zafra, Sempre connessi

Memorie d’una ragazza perbene

Filosofia della differenza

Tu che mi guardi, tu che mi racconti

La donna e la sapienza di partire da sé

Hannah Arendt

Pubblicato in News | Lascia un commento

Sempre connessi di Remedios Zafra

Remedios Zafra

“In quest’intreccio la propria stanza connessa come luogo privato costringe a pensare immaginare la nuova sfera pubblica come avviene con le stanze private degli scrittori. La propria stanza online permette di intervenire attribuire un nuovo significato a questa confluenza. Perché, insisto, nella nostra intimità la stanza online innesca possibilità di azione collettiva e sociale che prima avevano avvenivano solo “fuori dalla soglia”. Nella stanza connessa il pensiero può essere già comunicazione, memoria e azione pubblica; l’attività può essere remunerata senza spostamento fisico, praticabile e sempre più incentivata da imprenditori, amministrazioni pubbliche e imprese, le relazioni affettive, implementate attraverso un’interfaccia, cosicché oggi la propria stanza online amplifica il potere di pensiero (concentrazione) e di azione da una posizione localizzata.
Certamente lo spazio che Virginia Wolff riteneva cruciale per lo sviluppo intellettuale delle donne continua essere un luogo singolare per la rivendicazione creativa ma anche per la riflessione politica, estesa alla comprensione delle nuove dinamiche economiche e identitarie di (auto) gestione attraverso lo schermo connesso alla rete. Non si dovrebbe dare così per scontato che la stanza per sé connessa funzioni come una pausa di natura riflessiva e morale sulla nostra costruzione soggettiva e sociale, sia in rapporto alla sfera pubblica che alle strategie di convivenza e lavoro online da casa. Le une e le altre alluderebbero a possibili forme di emancipazione delle persone limitate dagli spazi, dei corpi e dai Loro rispettivi ruoli sociali. Tra queste si dovrebbero ricordare quelle che non sono ancora riuscite a “uscire” dalla vecchia sfera domestica e pertanto non possono tornare a essa liberamente, come spazio risemantizzato.”

Sempre connesso
Pubblicato in Libri, News | 1 commento