Verifiche Kant

#cricitismo #giudizianalitici #giudizisinteticiapriori #rivoluzionecopernicana #trascendente #sensibilità #spazioetempo #intelletto #concettiempirici #concettipuri #deduzionetrascendentale #iopenso #fenomeno #noùmeno #ragione #ideetrascendentalioconcettipuridellaragione #dialettica #massima #imperativoipotetico #imperativocategorico #principiodiuniversalizzazione #postulatidellaragionpratica #giudizideterminanti #giudiziriflettenti #bellezzaliberaebellezzaaderente #sensocomune #sublime #paceperpetua #direttocosmopolitico #federalismo

QUESITI A SCELTA MULTIPLA

1 In Kant un esempio di giudizio sintetico a priori è: (le due risposte esatte)

  1. il triangolo è una figura geometrica
  2. l’albero è fiorito
  3. la linea retta è la più breve tra due punti
  4. Il nero è più scuro del grigio
  5. nessun uomo sposato è scapolo
  6. il tutto è maggiore della parte
  7. in un triangolo la somma di due lati sia sempre maggiore del terzo

Motiva la risposta:

2 Il trascendente, nell’accezione principale è data al termine da Kant, riguarda: (segna la risposta esatta)

  1. lo studio dei caratteri immutabili della realtà
  2. lo studio della condizione a priori della conoscenza
  3. le condizioni a priori della conoscenza
  4. l’indagine sulla dimensione ultraterrena

Motiva la risposta:

3 Spazio e tempo sono condizioni a priori della conoscenza. In altri termini sono: (segna la risposta esatta)

  1. i concetti empirici che la mente umana attingere all’esperienza
  2. le uniche forme pure che la mente utilizza indipendentemente dal rapporto con la realtà esterna
  3. le condizioni di possibilità dei fenomeni, non derivanti dall’esperienza ma innate
  4. dimensioni assolute che ineriscono alla realtà esterna

Motiva la risposta:

4 L’intelletto opera sul materiale sensibile mediante le categorie. Queste ultime sono: (segna la risposta esatta)

  1. strutture unificatrici utilizzabili ai fini conoscitivi Dell’intelletto perché sono comuni sia la mente sia la realtà
  2. le strutture di fondo della realtà, Che l’intelletto assimila da essa e che utilizza ai fini della conoscenza
  3. concetti puri dell’intelletto mediante i quali esso essi plica la sua attività unificatrice e sintetizzatrice
  4. le essenze delle cose che l’intelletto coglie per prestazione delle cose stesse

Motiva la risposta:

5 Delle seguenti affermazioni quella che appartiene alla classe della categoria è: (segna la risposta esatta)

  1. ho comprato tre libri
  2. la strada è bagnata perché è più piovuto
  3. il Mediterraneo non è un oceano
  4. il triangolo non può avere quattro lati

Indica la classe a cui appartengono le affermazioni scartate:

6 Il processo di unificazione della conoscenza si fonda sull’io penso. L’io penso che kantiano è: (segna la risposta esatta)

  1. una funzione
  2. una sostanza
  3. un’idea
  4. la soggettività concreta

Motiva la risposta:

7 Kant afferma che l’unica conoscenza scientifica possibile quella fenomenica. Per fenomeno si intende: (segna le quattro risposte esatte)

  1. ciò che appare
  2. gli oggetti reali
  3. gli oggetti reali intuiti e pensati tramite le forme a priori
  4. ciò che è a priori nella nostra mente
  5. la rappresentazione delle cose
  6. tutto ciò che è pensabile
  7. gli oggetti-per-noi

8 La ragione umana tende alla massima unificazione dei dati, ma tale unificazione è un’operazione illegittima perché: (segna la risposta esatta)

  1. si verifica entro l’orizzonte dell’esperienza, che invece andrebbe superato
  2. può avvenire solo oltrepassando l’esperienza, che è invece l’unico raggio d’azione della conoscenza
  3. non andrebbe compiuta dalla ragione, ma dall’intelletto
  4. i dati non possono essere unificati essendo eterogenea rispetto alle facoltà conoscitive

Motiva la risposta:


QUESITI A SCELTA SINGOLA (max 5righe)

9 La scienza è costruita, secondo Kant, a priori. Che cosa significa “sintetico” e perché tale giudizio è fecondo per la conoscenza?

10 Su che cosa si fondano università e la necessità dei giudizi sintetici a priori?

11 Nell’Estetica trascendentale Kant si occupa della sensibilità. In che senso si può affermare che quest’ultima è, al tempo stesso, attiva e passiva?

12 Nell’Analitica trascendentale Kant si occupa dell’intelletto. Qual è la sua fondazione?

13 Perché, senza i concetti dell’intelletto, le intuizioni empiriche sarebbero inutilizzabili ai fini conoscitivi?

14 Quali sono le quattro tipologie in cui si distinguono le categorie?

15 Qual è la differenza tra le categorie kantiane e quelle aristoteliche?

16 In che cosa consiste la conoscenza fenomenica?

17 La cosa in sé deve essere tenuta esistente. Che cosa rappresenta, infatti, per il desiderio di conoscenza dell’uomo?

18 In che senso la ragione umana mira all’assoluto e all’incondizionato?

19 A quale insopprimibile esigenza dell’uomo risponde la metafisica?

20 la psicologia razionale applica all’io penso la categoria di sostanza, trasformandolo così in “anima”. Perché si tratta di un paralogismo?

21 Kant mette in luce come la cosmologia razionale, nel corso del tempo, abbia sostenuto tesi del tutto contraddittorie (antinomie). Qual è il motivo per cui ciò è potuto accadere?

22 La teologia razionale ha cercato di fornire diverse prove dell’esistenza di Dio. Qual è la critica che Kant muovere alla prova ontologica?


TRATTAZIONI SINTETICHE DI ARGOMENTI (max 15 righe)

23 Kant afferma che lo spazio è «una rappresentazione a priori, la quale è necessariamente a fondamento dei fenomeni esterni». Chiarisci significato di tale affermazione, precisando:

  1. che cos’è lo spazio dal punto di vista trascendentale
  2. quale conoscenza rende possibile
  3. perché è a fondamento della scientificità della geometria

24 Per Kant il tempo non è qualcosa che «aderisca alle cose, come determinazione oggettiva, e che perciò resti, anche astrazion fatta da tutte le condizioni soggettive della intuizione di quelle». Spiega il significato di tale affermazione, precisando:

  1. che cos’è il tempo dal punto di vista trascendentale
  2. quale conoscenza rende possibile
  3. perché è a fondamento della scientificità dell’aritmetica

Il problema estetico nella Critica del giudizio. In che modo posso cogliere la bellezza e la nalità delle cose?

Quesiti a scelta multipla

  1. Possiamo cogliere il bello attraverso il giudizio di gusto, che è un giudizio riettente. Ciò signica che: (segna l’a!ermazione sbagliata)
  1. a) Valutiamo la bellezza di una cosa attraverso il sentimento di piacere o dispiacere
  2. b) Il giudizio di gusto ha valore sia estetico sia conoscitivo
  3. c) Il giudizio di gusto ha carattere contemplativo
  4. d) La valutazione della bellezza è puramente estetica

Spiega perché la risposta errata è tale nella prospettiva estetica di Kant:______________________

  1. Per chiarire la specica qualità del piacere estetico, e il suo

carattere libero e disinteressato, Kant lo distingue nellamente dal

“piacevole”, il quale è: (segna la risposta esatta)

  1. a) Ciò che piace ai sensi nella sensazione
  2. b) Ciò che piace alla ragione
  3. c) Ciò che è conforme alla propria educazione e tradizione
  4. d) Ciò che provoca benessere

Motiva la risposta: _________________

  1. Oltre a quello estetico, Kant analizza l’altro tipo di giudizio riettente: quello teleologico.

Tale giudizio riguarda: (segna la risposta esatta)

  1. a) L’esistenza di dio
  2. b) Il nalismo della natura
  3. c) La visione meccanicistica della natura
  4. d) Il ne della vita umana

Motiva la risposta:______________

  1. Secondo Kant, il sublime matematico ha come oggetto: (segna la

risposta esatta)

  1. a) La potenza della natura
  2. b) La grandezza della natura
  3. c) La bellezza della natura
  4. d) L’idealità della natura

 

Quesiti a risposta singola (max 5 righe)

  1. Kant distingue i giudizi riettenti dai giudizi determinati. Quali sono le loro rispettive caratteristiche?
  1. Spiega in che cosa consistono i giudizi estetici “ empirici” e in che cosa di!eriscono dai giudizi estetici “puri”.
  1. Secondo Kant i giudizi di gusto “ esigono” l’universalità, ma si tratta di un’universalità che non deriva dai concetti – come nel caso dei giudizi determinanti – bensì dal sentimento. Sulla base di questa a!ermazione

spiega la di!erenza tra bellezza libera e bellezza aderente.

  1. Che cosa signica l’affermazione secondo cui la bellezza non è una proprietà intrinseca degli oggetti, ma risiede nel soggetto?
  1. Perché, a differenza della sica, la biologia richiede una prospettiva teleologica?

Trattazioni sintetiche di argomenti ( max 15 righe)

  1. Il giudizio estetico, secondo Kant, è  disinteressato.

Sintetizza le tesi kantiane al proposito, sviluppando le seguenti brevi indicazioni: Il giudizio estetico è contemplativo Esso riguarda la rappresentazione mentale dell’oggetto e non l’oggetto in sé.

  1. Oltre al bello, Kant analizza il sublime. Illustra le principali tesi del losofo su questo tema aiutandoti con le domande seguenti:
  • In che senso il sublime è il sentimento dell’illimitato?
  • Perché è scorretto dire che il sublime risiede nelle cose?
  • Qual è la differenza tra sublime matematico e sublime dinamico?
  • In che senso il sentimento del sublime è ambivalente?

Informazioni su Mariarosaria Pranzitelli

Docente di Filosofia Reggio Emilia - Italia
Questa voce è stata pubblicata in 2016/17, Classi quarte, News, verifiche e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...